di Massimo Di Centa - giovedì 23 Ottobre 2014 [Carnico, Varie]

passalentSe n’è andato in silenzio, lo stesso silenzio col quale era arrivato nel Carnico qualche stagione fa a guidare l’Ardita. Ervino Passalent, 58 anni, si è spento da poche ore. Vinto da un male incurabile, che stava combattendo da alcuni anni. Chi lo conosceva bene dice che ha combattuto come un leone fino all’’ultimo per rimandare una sentenza che il destino aveva già scritto per lui. Passalent (che attualmente allenava la Tilaventina, Seconda categoria friulana) era arrivato a Forni Avoltri un paio di anni fa, per provare l’esperienza in quel Carnico di cui aveva sempre sentito parlare. Gli erano bastati pochi mesi per innamorarsene, ottenendo in cambio la stima e l’affetto di chi aveva il piacere di lavorarci. Ogni allenamento si sobbarcava 200 km di viaggio, tra andata e ritorno, tra Mereto di Tomba (dove viveva) a Forni Avoltri, senza mai lamentarsi e soprattutto senza chiedere nulla in cambio. A lui non piaceva, però, che questa cosa si sapesse in giro: «Lo faccio per passione – diceva – e la passione non ha prezzo!». Parole che bastano e avanzano per stabilirne lo spessore ed accrescere la stima. Un pendolare per passione, insomma, di cui forse non abbiamo parlato abbastanza, forse perché le imprese con la sua Ardita non erano da prima pagina. Quella prima pagina che oggi gli dedichiamo con tutta la nostra ammirazione per aver amato con semplicità il nostra campionato e la nostra gente. Alla moglie Graziella ed ai due figli, il nostro abbraccio più affettuoso e la certezza che da oggi vivranno nel ricordo di una persona straordinariamente semplice o semplicemente straordinaria. Ciao, Ervino, adesso riposa in pace.


11 commenti a “CIAO, ERVINO …”

  1. Luciano Patat ha scritto:

    Non conoscevo di persona Ervino Passalent, ma l’avevo intervistato qualche volta per il settimanale “Il Friuli” quando allenava la Risanese. Non è retorica, ma mi erano rimaste impresse la disponibilità a fare due chiacchiere e la passione con la quale parlava del “suo” calcio.
    Il fatto, poi, che salisse fino a Forni Avoltri per provare un’esperienza nuova è significativo di per sè. Un amico che gioca lassù mi ha parlato di un allenatore capace, che durante le sedute proponeva cose affatto banali, con la volontà di dare un’impronta. Credo che in tanti abbiano imparato qualcosa da lui.
    Mandi Ervino, condoglianze alla famiglia.

  2. Gian Luca Pittino ha scritto:

    Ervino era una persona molto ma molto speciale, ricordo una partita contro il Cercivento persa per 4 a 2 dove ho sbagliato tutto in almeno 3 goal… a fine partita gli ho chiesto scusa per la sconfitta… E lui mi disse… Gian Luca non è colpa tua… la colpa parte dagli attaccanti che non hanno pressato e cose varie… La cosa mi aveva confortato molto anche se sapevo di essere il principale colpevole della sconfitta… ricordo le lunghe telefonate che ci facevamo, ed era sempre un vero piacere parlare con lui… ricordo la sua forza, la sua passione… la sua promessa fatta in un giorno di febbraio ( a pochi giorni dall’ operazione) alla prima riunione di tornare in panchina a guidarci…
    Era una persona che ti dava forza, che dava tutto se stesso… Sono fiero di essere stato allenato da te anche se tra lavoro e problemi fisici non sono riuscito a mantenere la promessa che ti avevo fatto… Ciao Ervino riposa in pace…

  3. DANIELE+CANDIDO ha scritto:

    Sentite condoglianze alla famiglia…ed all’Ardita.
    Mandi Mister!!!

  4. Giorgio Bulfon ha scritto:

    Mi dispiace moltissimo che ci ha lasciati, era un grande nella vita e nello sport, sempre disponibile,ciao mister!!!sentite condoglianze alla famiglia

  5. giocatore ardita ha scritto:

    ciao allenatore,grazie di tutto alla cena prima campionato ci dissi io ci sarò sempre ,anche se siamo scesi dalla seconda combatteremo insieme per risalirci grazie di cuore ,eri una persona con un corraggio e una PASSIONE enorme grazie R.I.P resterai sempre nel cuore di tutti noi della società un cuore giallo nero grazie ancora !!

  6. GIORGIO MORO ha scritto:

    Quel po che sono riuscito a parlare con te,ho visto una persona buona,che nonostante quello gli stava capitando aveva sempre il sorriso sulle labbra e ottimismo per tutto anche se dentro magari era il contrario….mi ha fatto piacere conoscerti!! riposa in pace mister…condoglianze a tutti i familiari.

  7. Daniele Piki ha scritto:

    Una delle persone più intelligenti, più disponibili e buone che io abbia mai conosciuto.. Dal bagaglio sia sportivo che umano infinito.. Un uomo da cui si poteva solo imparare.. Un amico a cui si può solo che essere grati.!!.. Un Uomo con la U maiuscola.!! La vita non é giusta con qualcuno.!! :'( Ciao Mister.!!

  8. Leonardo ha scritto:

    Ciao Ervino. Un abbraccio forte…

  9. nicola ha scritto:

    persona per quel poco che ho conosciuto disponibile, cordiale ed educata. di altri tempi nei modi verrebbe da dire . mandi Ervino

  10. ROMANIN GIOVANNI ha scritto:

    Mi sembra il minimo ringraziarti per tutto il tempo passato assieme, assieme all’Ardita, una squadra con il quale ogni domenica dovevi “scombattere” per ottenere qualcosa in più da noi.
    Quanta fatica sprecata mister!!!
    Ho avuto modo di conoscere una persona speciale, un allenatore dal quale ho imparato molto, ma soprattutto un amico, che mi ha trasmesso la voglia di amare la vita, di lottare per ottenere ciò che si vuole e non mollare mai.
    Purtroppo a volte la vita è ingiusta ed è vero che sono sempre i migliori ad andarsene.
    Già ti vedo, lassù, tra i campi da calcio in mezzo alle nuvole, a correre dietro ad un pallone con la rapidità di un tempo mentre fai impazzire i difensori delle altre squadre.

    Mandi Ervino tu resctaras par simpi tal nesctri cor.

  11. Gianluigi Gosgnach ha scritto:

    Mandi Ervino.. r.i.p. grande uomo.. un’abbraccio a tutta la famiglia.

Lascia un commento

Per inviare un commento devi eseguire il login


Campionato Amatori Settore Giovanile Terzo Tempo A tutto carnico

Per la tua pubblicità

Ufficio Pubblicità
Telefono: +39 0433 40690
Email: spot@rsn.it